Il Galateo

galateo

Tutti, o quasi, hanno sentito parlare almeno una volta nella vita di quella parola tanto conosciuta come no che è il Galateo.

Le sue origini risalgono al XVI secolo e fu scritto per mano di Giovanni della Casa. Questo libro imponente racchiude in sé tutte quelle norme e buone usanze che ogni persona dovrebbe seguire nelle varie situazioni pubbliche, come cerimonie, oppure situazioni più comuni, come cene con un amico, doni e viaggi. 

Oggi non esiste più il galateo come lo aveva pensato Monsignor della Casa, ma non per questo vuol dire che non esistano più regole da seguire.

L’etichetta fin dalla sua esistenza è in continua evoluzione ed unisce in sé sia nuove esperienze che vecchie usanze. 

Anche se il tempo passa e gli usi e i costumi cambiano, lo scopo del galateo rimane sempre il medesimo: il rispetto per il prossimo, una convivenza gradevole tra individui e una società più armoniosa.

Il galateo, nonostante tutti i suoi cambiamenti nel tempo, dovrebbe essere adottato nella vita di tutti i giorni per tutte le azioni del vivere quotidiano. 

Alcune delle regole che tratta, riguardano tutti quei comportamenti da tenere a tavola: come mangiare, cosa fare quando si è ospiti e come intrattenere le conversazioni. 

Tratta anche regole per ogni aspetto del sociale, il rapporto da avere agli eventi, con i vicini.

Facebook
INSTAGRAM
Pinterest